HOME

BILANCIO SOCIALE 2020

  • PARTE PRIMA

  • PARTE SECONDA

  • PARTE TERZA

  • PARTE QUARTA

  • EDIZIONE 2019

    EDIZIONE 2018

    EDIZIONE 2017

  • 3.3 Valutazione di impatto

    Il Comitato di indirizzo strategico del Fondo, data la natura sperimentale dell’iniziativa e in considerazione dei contesti diversificati e multiformi del territorio nazionale in cui opera, ha ritenuto prioritaria l’elaborazione di una strategia di valutazione d’impatto dei progetti. Sulla base di tale orientamento, Con i Bambini fin dai primi bandi ha previsto la presenza di un soggetto valutatore all’interno di ciascun progetto, ovvero di un ente incaricato di realizzare, sulla base di uno specifico impianto di ricerca, uno studio valutativo sull’impatto generato dagli interventi nei due anni successivi alla conclusione delle attività. I principi di riferimento che dovranno orientare le ricerche valutative sono:

    • il rigore metodologico: chiara e contestualizzata indicazione dei fondamenti metodologici che orientano la ricerca valutativa. Il modello valutativo proposto dagli enti valutatori dovrà essere strettamente connesso e coerente con le caratteristiche specifiche degli interventi (natura e bisogni dei destinatari, strategia d’intervento, tipologia delle attività, obiettivi prefissati) e, allo stesso tempo, chiaramente orientato a un paradigma teorico di riferimento;
    • l’impatto sociale: evidenza dell’effettivo cambiamento generato sui destinatari rispetto alla condizione di povertà educativa ed esiti generali sulle comunità territoriali di riferimento del progetto. Sono stati definiti tre criteri di impatto generale, trasversali alle singole linee di finanziamento, relativi agli obiettivi del progetto, alla riduzione della povertà educativa e alle principali ricadute territoriali. Inoltre l’impatto sociale dovrà essere analizzato, per ciascun progetto, in relazione agli obiettivi specifici del singolo bando o iniziativa promossa da Con i Bambini;
    • la disseminazione e l’apprendimento: elaborazione di osservazioni sull’impatto generato (lezioni apprese e raccomandazioni) e loro diffusione tra i diversi livelli di attori coinvolti dal progetto.


    Il rapporto di valutazione di impatto deve essere concluso entro 24 mesi a partire dalla fine del progetto.
    Negli ultimi bandi pubblicati (Ricucire i Sogni, Cambio Rotta, A Braccia Aperte) è stata inaugurata una modalità che prevede l’individuazione di un ente incaricato della valutazione d’impatto di tutti i progetti, per analizzarne l’efficacia e promuovere l’individuazione di buone pratiche. La presenza di un ente di valutazione unico ha caratterizzato anche l’iniziativa dedicata alle aree terremotate.


    Molti enti di valutazione hanno optato per un modello metodologico di tipo “multi-approccio”, combinando metodi sia quantitativi che qualitativi, sebbene sia presente un numero significativo di disegni di tipo sperimentale.

    Bilancio completo - versione stampabile


    Con i Bambini
    Via del Corso, 262
    00186 Roma
    Tel: +39 06 40410100
    E-Mail: info@conibambini.org
    www.conibambini.org
    percorsiconibambini.it

    Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK